Versione Italiana Versione Italiana English Version English Version
Versione del sito per IPOVEDENTI
{CURRENTDATE}


{MENUKOOLVERT}


Accedi alla Home Page
dell' Ente
 
News
24/10/2016
:: Concorso dei Mieli dei Parchi della Liguria. Edizione 2016
Domenica 20 novembre, presso il Castello di Calice al Cornoviglio, si è svolta la giornata conclusiva con la premiazione dei mieli migliori dei Parchi. Molti gli apicoltori del Parco di Montemarcello-Magra-Vara premiati con una, due e tre api d'oro. ...
15/07/2016
:: LA NUOVA LEGGE QUADRO - PROPOSTA AGGIORNAMENTO LEGGE DDL 394/91
Il 15 luglio presso la sede del Parco, il Senatore Massimo Caleo ha illustrato al Consiglio e alla Comunità del Parco, ai rappresentanti dei Parchi della Liguria, Regione Liguria e Ferderparchi Liguria, le proposte di aggiornamento alla Legge quadro sulle aree protette (L.394/91)....
15/07/2016
:: Interdizione scogliere di Punta Bianca – Cala Marola
ORDINANZA SINDACALE DEL COMUNE DI AMEGLIA In tutta l’area di Punta Bianca e Cala Marola viene interdetto l’accesso di persone fino a quando le autorità della Marina Militare non dispongano la non pericolosità dell’area e disinneschino l’eventuale ordigno rinvenuto. E' vietato l’accesso al sentiero di Punta Bianca e di Cala Marola sia via terra sia via mare. ...
04/07/2016
:: Documento Programmatico del Parco
Il Presidente Pietro Tedeschi ha presentato al Consiglio e alla Comunità del Parco il Documento Programmatico da lui elaborato...
16/04/2016
:: Apertura iscrizioni CAMPI ESTIVI 2016
Sono aperte le iscrizioni ai Campi estivi 2106...
11/04/2016
:: Avviso pubblico per la formazione di una graduatoria di personale a tempo determinato
Avviso pubblico per la formazione di una graduatoria utile all'assunzione di personale a tempo determinato, categoria C1 vigente CCNL Enti Locali, profilo professionale C1 "Assistente Tecnico Ambientale", per il supporto all'attività di gestione, monitoraggio e rendicontazione di progetti finanziati da fondi comunitari....
05/01/2016
:: Domanda di sostegno PSR
La Giunta Regionale ha approvato le disposizioni per la presentazione di domande di sostegno semplificate a valere sulle sotto-misure: -4.1 -4.2 -5.2 -6.1 19.1 del Programma regionale di Sviluppo Rurale 2014-2020 Tutta la documentazione è reperibile sul sito internet www.agriligurianet.it ...
11/06/2014
:: Numeri utili e norme di comportamento per prevenzione e contrasto incendi boschivi
Si comunica che, per la segnalazione degli incendi boschivi, oltre al numero telefonico 1515, è attivo anche il numero verde del Corpo Forestale dello Stato (800-807047)....
28/01/2015
:: Progetto LIFEEMYS
Compila un questionario ...
09/01/2015
:: AVVISO CAMBIO ORARIO APERTURA AL PUBBLICO UFFICIO TECNICO
Si avvisa che l'apertura al pubblico dell'ufficio tecnico seguirà i seguenti orari: MARTEDì E VENERDì DALLE 14.30 ALLE 17.30...
Iscriviti alla newsletter
Nome:
Cognome:
Email:
 
Home Page > Visitare il Parco > Itinerari consigliati > In canoa sul Vara

In canoa sul Vara

a cura del Canoa Club Cagnacci Bagnati

Il fiume Vara nasce dalle pendici del monte Zatta (m. 1404) nell’Appennino Ligure e scorre per circa 58 Km attraverso strette valli ricche di boschi e brevi tratti pianeggianti all’interno del Parco, sino alla confluenza con il fiume Magra. Lungo il percorso accoglie numerosi affluenti quali il Ruschia e il Gottero. Le sue acque limpide e pulite scorrono tra boschi e pareti rocciose formando anse, anfratti e spiagge dove è possibile trascorrere emozionanti momenti e praticare attività immersi nella natura. Il Vara è navigabile in canoa o rafting in vari tratti da Varese Ligure fino alla confluenza del Magra; quelli canoisticamente più interessanti sono segnalati da cartellonistica di imbarco e sbarco. Sul territorio operano diverse associazioni e guide a sostegno di quanti intendono vivere una giornata all’insegna dell’avventura.
Accesso e punto di partenza
I tratti più frequentati sono a monte della diga di Sesta Godano e a valle della centrale idroelettrica di Vizzà. Per il primo tratto l’accesso è da ponte della Macchia (nei pressi di San Pietro Vara) al lago della diga Santa Margherita (bivio per Nasceto) mentre l’imbarco del secondo tratto “Sottodiga” è in località Cà di Vara al ponte di Vizzà, all’uscita del collettore della diga che garantisce una portata di circa 15 metri cubi in fase di produzione di energia elettrica.

Il primo tratto,
detto “Le Gole”, è lungo circa otto Km e offre un paesaggio immacolato con alcune rapide successive, tutte ispezionabili e trasbordabili, seguite da allettanti laghetti. Esso necessita, per chi scende in kayak, di conoscenze tecniche di media capacità (difficoltà WW II-III, WWW IV con acqua alta) ed è percorribile dopo le piogge. Il periodo consigliato va da ottobre a maggio. Non vi sono carreggiate che costeggiano il fiume, ma sulle due sponde si snodano alcuni sentieri oggi frequentati soprattutto dai pescatori. Il fiume si presta a diverse attività in acqua e non quali il Rafting, il Canyonig, l’Hydrospped il trekking e la mountain bike.
 

Il percorso tra Cà di Vara e Brugnato

è di 4,5 Km e si snoda in un susseguirsi di rapide, spot d’acqua e laghetti. Grazie a un accordo fra la Tirreno Power – proprietaria dell’impianto idroelettrico di Sesta Godano – le amministrazioni locali e le associazioni canoistiche, durante il fine settimana il rilascio dell’acqua è garantito dalle ore 11 per oltre due ore rendendo possibile la navigazione anche in assenza di piogge. I mesi in cui si può fruire del rilascio dell’acqua sono da ottobre a fine giugno salvo casi di siccità eccessiva che possono limitarlo.
Il tratto è tecnicamente classificato come “facile” (difficoltà WW II) e risulta un ottimo campo scuola canoistico: una vera e propria palestra dove spesso si incontrano anche i campioni di slalom con i giovani allievi delle scuole di Genova e del Maristeli Luni di Sarzana. Punti di sbarco possono essere sotto il ponte dell’autostrada a monte di Brugnato o poco più avalle nei pressi del ponte romano.
Il clima invernale mite e la certezza di poter disporre di un adeguato livello d’acqua, anche in periodo di “siccità”, fa del fiume Vara un punto di riferimento per i canoisti che, durante il week end, si ritrovano numerosi a scendere le sue acque.

Punto di maggior interesse è il buco del “Frantoio” nei pressi del bivio per Cornice, ispezionabile e facilmente trasbordabile sulla sponda sinistra; molto divertente è la sua discesa: i più bravi si possono fermare a compiere evoluzioni essendo uno sport su cui si sono disputate in passato competizioni di rodeo.
Anche se non vi sono particolari pericoli vi sono alcuni punti in cui occorre un poco di attenzione, quasi sempre per sbarramenti artificiali. Si raccomanda quindi l’uso di attrezzature idonee – mute, kayak, salvagenti corda da lancio, moschettoni e caschi in buono stato – un’adeguata conoscenza delle tecniche di base della canoa fluviale e il consiglio e/o l’aiuto di una guida.


Obblighi dei canoisti
Gli sport fluviali necessitano di particolare attenzione sia per la propria salvaguardia che per quella dell’ambiente circostante. Gli obblighi “morali” dei canoisti presuppongono due regole:
 Rispettare il fiume: andiamo in canoa per divertirci e godere dell’ambiente naturale che ci circonda.
 Rispettare il fiume: tenendolo pulito dentro e fuori.
Il canoa Club Cagnacci Bagnati è presente nei week end e si offre ad accompagnare canoisti nei tratti di fiume della val di Vara. Sul sito www.cagnaccibagnati.it sono aggiornati i dati dei livelli del fiume e le previsioni di apertura per il week end successivo.

25/06/2008
 
Ente Parco di Montemarcello-Magra - Via A. Paci, 2 - 19038 - Sarzana (SP) Italy - Tel. +39/0187.691071 - Fax. +39/0187.606738 - Diritti riservati
P.Iva: 91009830117 - PEC: parcomagra@legalmail.it
Privacy - Disclaimer- Powered by Mantra Multimedia
Magra in Bici